jump to navigation

Ormai è tempo di scoperte ottobre 26, 2007

Posted by rds4ever in attualità.
Tags: , , ,
trackback

L’Italia è diventata terra di scoperte.Scoperte che a noi tutti sono stranote,ma non per i simpatici personaggi che sono messi in alto,vedi il governatore della banca d’italia Draghi.Ha detto che gli stipendi non sono da paese europeo,chissà se qualcuno ha pure abbassato la testa in segno di consenso perchè sono curioso di conoscerlo.Ogni volta che leggo certe cose penso sempre che alcuni vivono in un altro universo,io preferisco vivere la realtà con tutte le conseguenze del caso.Una realtà che mi fa vergognare parecchio se pensiamo alla situazione attuale,una realtà che ogni volta mi sbatte in faccia persone che vogliono lavorare e non viene loro permesso,racconti tristi e soprattutto mi terrorizza sapere quando,e se,avrò un figlio in che mondo verrà alla luce.A volte mi incupisco parecchio,perchè la caduta continua e ancora non si intravede il fondo.A volte penso a cosa dire se dovessi andare all’estero per spiegare come siamo messi qui e non è facile.A volte divento parecchio triste.

In questo momento non riesco a essere ottimista,datemi voi un motivo per esserlo (ve ne sarò eternamente grato).

Per chi volesse approfondire,segnalo questo articolo interessante di repubblica:
link

Annunci

Commenti»

1. scalino - ottobre 26, 2007

Credo che alla base di questo gap salariale ci sia di sicuro un fattore strutturale legato ad un basso livello medio dei salari stessi, ma anche e soprattutto un elevata tassazione del lavoro dipendente.
Ci aggiungiamo quei lavoratori a tempo determinato e precari per i quali gli stipendi sono veramente da fame, io capisco magari i primi tempi da giovani (es.stage) quando si potrebbe parlare di rimborso spese, ma chi va avanti così per n anni è giusto? Solo con la speranza del fatidico posto fisso.
Ecco, il posto fisso, meglio direi cementato dato chi ad esempio ruba sul posto di lavoro non viene licenziato, ovviamente è caratterizzato dal fatto di essere per molti un disincentivo a produrre dato che è un diritto acquisito, ed eccovi servita la ricetta ideale per la situazione corrente.
Gli stipendi dovrebbero essere molto di più meritocratici e non perché diritto acquisito, mi viene da pensare a molti dipendenti del pubblico impiego… non a tutti quanti, badate bene.
Dai.. scatenatevi! ce n’è da discutere qui.

2. rds4ever - ottobre 26, 2007

Riflessioni sacrosante,caro scalino.
Purtroppo in tematiche riguardanti il lavoro siamo,come è costume italico,indietro rispetto ai paesi europei.Così come è anche vero che per attuare una vera riforma del mercato del lavoro c’è bisogno di gente con le palle(ma qui so che sto chiedendo troppo).
Trovare persone che ci governano e che non pensano ai loro esclusivi interessi è quasi diventato un utopia.Oltre che il pensiero del posto fisso,non viene fatto nulla per incentivare il lavoratore a migliorare,non viene mai premiato il merito e soprattutto non si viene mai stimolati,perchè ho capito sulla mia pelle che gli stimoli bisogna trovarseli da soli.

Ciao

Riccardo

3. xeena - ottobre 27, 2007

Se farai un figlio dovrai essere ottimista per forza, e poi un figlio va fatto e basta senza pensarci troppo…. é cosí bello.

4. ideabroker - ottobre 27, 2007

Purtroppo, anche alla luce di quanto si sta parlando in questi giorni, non ho dati nuovi che giustifichino un sano ottimismo. A quanto pare il voto di scambio, le raccomandazioni (oggi si chiamano segnalazioni), e quant’altro, continuano senza sosta da circa una cinquantina d’anni almeno nel nostro paese. Forse la motivazione la devi trovare nei tuoi valori, nella tua dignità, nella tua fierezza e dovrai trasmetterli a tuo figlio.
Sarà una persona veramente nuova e bella come te.
Per il momento continua a prenderti cura del tuo blog.
😉

5. rds4ever - ottobre 27, 2007

@Ideabroker
Ti ringrazio per la stima e la fiducia.Mi ha fatto davvero piacere leggere un commento come il tuo.E ringrazio anche Xeena,l’ho sempre detto sin dall’inizio che questo blog rappresenta una piccola parte del mio Brand New World.

Ciao!

Riccardo

6. melania07 - ottobre 28, 2007

Riccardo tutto ciò che dici è vero.
Ma sono d’accordo con Xeena. Un figlio va fatto perché è un’esperienza unica e che ti cambia la vita e l’ottimismo lo devi rosicchiare dalle piccole cose.
Oggi mi sono svegliata “bene”. C’è un bel sole, l’aria è tiepida, mie figlie sono in casa, una è già sveglia, l’altra no (beh… è tornata alle 5 di stamani e mi ha anche svegliato perché aveva dimenticato le chiavi di casa…).
Quindi sorrido e mi godo questo attimo.

7. rds4ever - ottobre 28, 2007

@Melania
Sorrido anch’io con te :D.
Grazie,e grazie anche di avermi fatto capire che sono sulla strada giusta 😉

Riccardo

8. LadyDietrich - ottobre 30, 2007

Doveva dirlo Draghi? Si ma spesso in Italia è facile cadere anche nei soliti allarmismi…per esempio penso alla mia vicina che brontola perchè il pane è aumentato e la zucchina pure…intanto continua a frequentare il solito mercatino del centro storico…quando in periferia è possibile comprare la stessa merce a prezzi decisamente inferiori..la città offre valide alternative,e bisogna anche giocare di furbizia…o penso a chi ha la mano sempre incollata sul clacson e sbuffa perchè sono ore che è bloccato con il Suv sul Raccordo anulare…eppure la benzina non era aumentata? Una città come Roma..anche in questo caso offre alternative…la metro,l’autobus,il treno,il filobus…anche per quanto riguarda il lavoro..il precariato è una piaga ancora sanguinante nel nostro Paese, ma invece di restare a letto a dormire da mammàààà ,non sarebbe meglio forse lavorare anche precariamente,in attesa di un impiego migliore? Non è vero che certi lavori agli italiani non interessano? Provate a chiedere ad un 18enne se ha voglia di imparare un mestiere, di diventare calzolaio,elettricista o idraulico(lavori richiestissimi)…e sentite cosa risponde.
Gli affitti sono cari..eppure nel palazzo in cui abitavo c’era una famiglia di impiegati statali che pagava 800 euro al mese…ma non rinunciava alle vacanze esotiche, alla borsa di Valentino, all’occhiale di Gucci o al cellulare ipertecnologico…per comprare casa…servono soldi ma anche sacrificio,rinunce…e gli italiani, quanto sono disposti a sacrificarsi?

9. LadyDietrich - ottobre 30, 2007

I problemi seri sono altri…la sanità…la lunga attesa per le visite, per gli esami clinici…i pensionati che vivono con 500 euriiiiii


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: